fbpx
 
Notiziepolitica

Revoca deleghe, Cavaliere risponde a Grando: “Esco dalla maggioranza ma do l’appoggio esterno”

Lo rende noto in un comunicato appena diffuso il consigliere comunale FDI: “L’amore per la Città di Ladispoli è più grande di una delega”

Revoca deleghe, Cavaliere risponde a Grando: “Esco dalla maggioranza ma do l’appoggio esterno” –

“L’amore per la Città di Ladispoli è più grande di una delega. Desidero precisare che non sono uscito sostanzialmente dalla maggioranza, ma che ho dato il mio appoggio esterno!”.

Risponde così il Consigliere comunale FDI di Ladispoli Raffaele Cavaliere alla decisione di oggi del Sindaco Alessadro Grando di revoca delle deleghe a lui conferite.

In un comunicato appena diffuso infatti il consigliere afferma: “In questo mondo duale tutto ha un inizio e una fine: oggi, per mezzo stampa apprendo che il Sindaco di Ladispoli A. Grando  con decreto n.11 del 22.3.21 mi ha revocato le due deleghe: “Formazione del cittadino” e  “Scuola Arte e Mestiere”. A Ladispoli tutti conoscono il mio “curriculum politico”, già nel lontano 1980 sono stato candidato alle comunali di Ladispoli  e nel 2017 sono stato eletto Consigliere Comunale;  dal 1978, anno del mio arrivo  a Ladispoli, sono sempre stato impegnato nel volontariato: politico – culturale e sociale. Decine di progetti innovati realizzati nelle scuole, nel sociale, decine di iniziative culturali e convegni sono la testimonianza del mio agire disinteressato a favore della crescita delle persone, della collettività e  della città. Ormai sono 43 anni che opero a Ladispoli  e per tanto continuerò a fare sempre il bene per la mia città e mi impegnerò sempre per la comunità, per la difesa della Vita e dei principi costituzionali della Democrazia. Ringrazio il Sindaco per questi anni di proficua collaborazione, ricordo che il “Progetto Ladispoli Città dell’Arte – Museo a cielo aperto” è una mia idea partorita nel 2015, messa nel programma del “candidato a Sindaco del 2017” e poi deliberato in Giunta, e che ora sta andando benissimo, perché in diverse zone della città sono sorte opere artistiche ad arricchire il tessuto urbano. Purtroppo la “Scuola Arte e Mestieri – Scuola della Vita” purtroppo non ha trovata la stessa accoglienza nei due assessori del settore competente. Anche il “Parco delle Nazioni”, sempre mio progetto approvato in Giunta, che ha visto l’interesse e la promessa di partecipazione di otto Ambasciate straniere sicuramente sarà realizzato al più presto, ma la paternità resterà sempre la mia! Desidero precisare che non sono “uscito sostanzialmente dalla maggioranza”, ma che ho dato il mio appoggio esterno! A tutti i cittadini garantisco che il mio amore per la Città, certamente, mi vedrà sempre impegnato in prima linea a difesa della Libertà e tutte le mie capacità e competenze saranno sempre al servizio della collettività. Il Mondo può cambiare in meglio impegnandosi in prima persona e avendo io una visione di società, di città e dell’umanità, promuoverò ancora   iniziative atte a facilitare il progresso e il benessere per tutti: Un mondo migliore è possibile! La Vita prosegue: “Si chiude una porta e si apre un portone” e con l’aiuto di Dio farò cose ancora più grandiose. Pace e gioia.”

Post correlati
CittàNotizie

Santa Marinella rende omaggio alle vittime dell'alluvione del 2 ottobre 1981

Cittàpolitica

Cerveteri, l'amministrazione incontra i cittadini di Valcanneto

CittàCronacaNotizie

Tourisma 2022, Battafarano: "Qui per parlare non di un progetto singolo, ma di una visione di sviluppo che coinvolge l'Etruria Meridionale"

Cittàpolitica

Civitavecchia, sostegno alle abitazioni in locazione: "Pubblicato l'avviso, domande da lunedì"

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.