fbpx
 
Cronaca

Pescatori rapiti in Libia, da settimane i parenti in protesta davanti a Montecitorio

“Non ci muoviamo da qui finché i nostri uomini non tornano a casa”

Pescatori rapiti in Libia, da settimane i parenti in protesta davanti a Montecitorio
Pescatori rapiti in Libia, da settimane i parenti in protesta davanti a Montecitorio (foto agenpet.it)

Pescatori rapiti in Libia, da settimane i parenti in protesta davanti a Montecitorio –

Sono da settimane davanti Montecitorio, armate di tende da campeggio che montano la sera e tolgono la mattina, e non si muoveranno da lì fino a quando i loro uomini non saranno liberati e torneranno a casa sani e salvi.

Sono le mogli dei pescatori rapiti di Mazara del Vallo bloccati in Libia e tenuti in ostaggio dalle milizie del generale Haftar da quasi due mesi ormai.

Un caso diplomatico che ha attirato le critiche dei famigliari sul premier Giuseppe Conte e sul ministro degli Esteri Luigi Di Maio che nei giorni scorsi ha spiegato come il Governo stia lavorando sotto traccia per liberare i pescatori.

Pescatori rapiti in Libia, da settimane i parenti in protesta davanti a Montecitorio
Pescatori rapiti in Libia, da settimane i parenti in protesta davanti a Montecitorio (foto da Libero)

Intanto però le famiglie continuano a sostare, giorno e notto, sotto palazzo Montecitorio, in protesta, tra sit-in incatenati e incontri con i politici.

“Non c’è Caritas, né volontari che vadano a dare un the caldo. Immagini che ci devono far vergognare tutti”, ha commentato Toni Capuozzo, storico inviato di guerra di Mediaset da sempre attento alle ingiustizie internazionali, davanti a quelle immagini mandate in onda ieri sera a Quarta Repubblica.

Post correlati
CittàCronaca

Civitavecchia, auto finisce fuori strada. Due donne e una bimba trasportati in ospedale

CittàCronaca

Droga: sequestrati dalla Polizia oltre 450 kg di sostanze stupefacenti

CittàCronaca

Bagno di folla per la conferenza-spettacolo di Agostino de Angelis: “Ladispoli, sulle tracce dell’antica Roma”

CittàCronaca

Venanzo Bianchi, il ricordo di Angelo Grimaldi

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.