fbpx
CronacaNotizie

Omicidio Vannini, è il giorno della sentenza della Cassazione

In centinaia dal litorale e dal lago per sostenere la famiglia di Marco

Omicidio Vannini, è il giorno della sentenza

Omicidio Vannini, è il giorno della sentenza della Cassazione
Omicidio Vannini, è il giorno della sentenza della Cassazione

In treno da Ladispoli e da Bracciano. In autobus da Cerveteri.

A centinaia questa mattina hanno deciso di scendere in piazza, non una piazza qualsiasi, per abbracciare simbolicamente mamma Marina e papà Valerio. Per chiedere ancora una volta, con la sola propria presenza, “giustizia e verità” per Marco Vannini.

Niente slogan, niente striscioni. Solo un’onda umana che vuole dimostrare non solo a una famiglia da cinque anni straziata dal dolore, ma all’Italia intera, che il senso di comunità, di solidarietà, di amicizia, abbatte qualsiasi distanza, scavalca confini inimmaginabili.

Ancora una volta tutto il comprensorio, da Civitavecchia a Fiumicino, passando per la zona lago, è pronto a dare un segno tangibile di quanto la morte di un giovane, di appena 20 anni, abbia fatto male ai cuori di migliaia di persone.

Già dopo la sentenza di secondo grado, a migliaia si erano riversati per le strade della città etrusca chiedendo “giustizia e verità”, contestando quella sentenza che aveva condannato a cinque anni per omicidio colposo con colpa cosciente, chi aveva impugnato la calibro 9 e ferito con un colpo d’arma da fuoco quello che da tutti è ormai “l’angelo biondo”.

In questi anni, in questi mesi e in queste settimane, a scnedere nuovamente in campo per sostenere la famiglia di Marco, sono state anche le istituzioni. Proprio nei giorni scorsi il sindaco di Ladispoli, Alessandro Grando, ha ripristinato sulla facciata del palazzetto comunale, lo striscione a sostegno della famiglia Vannini.

Da Ladispoli in partenza per la Cassazione

«Con l’avvicinarsi della data della Cassazione – ha detto nei giorni scorsi il sindaco Alessandro Grando – abbiamo voluto ripristinare il cartellone dedicato a Marco. Un ringraziamento – ha proseguito – al consorzio Marina di San Nicola che aveva i mezzi a disposizione per poter procedere, e ovviamente a Marina e Valerio.

Ladispoli continua la sua battaglia al fianco dei genitori di Marco. Speriamo che la Cassazione riesca e rimettere tutto in discussione».

A ringraziare il comune per la vicinanza dimostrata negli anni e anche in questo momento papà Valerio, presente al momento del ripristino del cartellone. «Siamo veramente felici di questo gesto – ha detto – perché è a ridosso della Cassazione ed è importante che nessuno lo dimentichi, anche se siamo sicuri che nessuno ha dimenticato. Bisogna fare un atto di giustizia», ha proseguito Valerio. «La sentenza che dovrà emettere la Cassazione è molto importante».   

Omicidio Vannini, è il giorno della sentenza della Cassazione
Omicidio Vannini, è il giorno della sentenza della Cassazione

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Santa Marinella, da domani la distribuzione delle mascherine a tutte le famiglie

Notizie

Covid-19, Speranza: "Il nostro compito è creare le condizioni per convivere con questo virus"

Notizie

Coronavirus, a Cerveteri altre cinque sanzioni

CronacaNotizie

Undici anni fa la terra tremava a L'Aquila

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.