fbpx
Città

Covid: “Se numeri crescono lockdown inevitabili”

70 Condivisioni

“Tornare indietro sarebbe una catastrofe, ma è bene sapere che se i contagi continueranno a salire i lockdown locali saranno inevitabili”

Covid, “se numeri crescono lockdown inevitabili”-

“Tornare indietro sarebbe una catastrofe, ma è bene sapere che se i contagi continueranno a salire i lockdown locali saranno inevitabili”. Lo sottolinea il coordinatore del Comitato tecnico scientifico Agostino Miozzo in un’intervista al ‘Corriere della Sera’. (come riportato anche da AdnKronos).

“Noi monitoriamo la situazione e guardiamo i dati – aggiunge – Ci piacerebbe molto far tornare la situazione alla normalità. Ma adesso c’è grande preoccupazione”. “Abbiamo una graduale ascesa dei numeri, ma soprattutto abbiamo anche persone giovani che stanno entrando nelle terapie intensive – sottolinea Miozzo – Nessuno è invulnerabile. Ricordiamoci che questa è una malattia maledetta. Quando colpisce può fare male”.

Sull’obbligo di tamponi per chi rientra da Spagna, Croazia, Malta e Grecia Miozzo prosegue: “Il numero di stranieri che vengono in Italia o di italiani che tornano dalle vacanze all’estero è considerevole. Tanto che questa regola vale anche per chi arriva da Romania e Bulgaria. Però bisognerebbe avere regole uguali per tutti”. “Molti Paesi hanno già imposto quarantene – chiarisce Miozzo – Io credo sia un problema che la Commissione dovrebbe governare meglio, coordinandosi con l’Oms. Suggerire un approccio europeo più coordinato. Ognuno cura il proprio Paese ma viviamo in Europa e le frontiere sono aperte. Questa fuga in avanti di Stati membri e la scarsa capacità di coordinare dovrebbe essere guardata con attenzione”.

In molte regioni le discoteche sono aperte ”su disposizione delle autorità locali – spiega – Nell’ambito del Cts abbiamo sempre avvisato che le discoteche riaperte sarebbero state un pericolo. Quando ci hanno chiesto di concedere spazi di divertimento musicale, abbiamo posto come condizione che ci fossero controlli severi. Però dubito sinceramente che si vada a ballare stando a distanza di due metri”.

Adesso la riapertura delle scuole è la nostra ”priorità, il settore dove si misura la vittoria della nostra battaglia – conclude – Noi dobbiamo garantire il ritorno in sicurezza dei ragazzi a lezione, degli insegnanti, del personale. Rischiamo di vanificare ogni sforzo, questo mi preoccupa e mi fa arrabbiare. Ci rendiamo conto che cosa vuol dire se si dovesse tornare all’insegnamento a distanza? Sarebbe un incubo. E poi ci sarà la ripresa del lavoro, il trasporto pubblico a pieno regime”.

70 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
CittàCronaca

Santa Marinella piange la scomparsa del dott. Urbani

Città

La Stazione Ferroviaria di Cerenova un gioiello di architettura: quando alla funzionalità si unisce il design

Cittàpolitica

Roma, Raggi: "Nella residenza Casa tra noi verranno accolti senza fissa dimora con Covid"

Città

Fiumicino, dalla Regione 3ml per il potenziamento dell'impianto idrovoro a Isola Sacra

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.