fbpx
Ospiti

Potere al Popolo Ladispoli-Cerveteri: al referendum votate no

L’appello del movimento per il prossimo 29 marzo

Potere al Popolo Ladispoli-Cerveteri: al referendum votate no

Il 29 marzo prossimo si svolgerà il Referendum costituzionale per confermare o meno la legge costituzionale approvata dal Parlamento che prevede la riduzione del numero dei parlamentari. Nelle dichiarazioni ufficiali di chi ha promosso e votato questa legge si riportano motivazioni che riguardano la presunta semplificazione dei meccanismi legislativi e la sostanziale riduzione dei costi.

In realtà l’effetto più evidente di questa legge è quello di ridurre il livello di rappresentanza politica legato ai territori e legare ancor di più l’elezione in Parlamento alla condivisione acritica del singolo eletto alle decisioni prese dai vertici e dalle segreterie politiche.

A questo provvedimento che taglia drasticamente la rappresentanza politica, si aggiunge una legge elettorale che già allontana l’elettore dall’eletto e che allo stesso tempo, attraverso uno sbarramento o soglia che si vuol portare addirittura al 5%, esclude dalla possibile elezione chi non è già presente in ambito parlamentare.

Questo di fatto costituisce un attacco pesantissimo alla Costituzione che non può essere accettato dal popolo italiano.

Per rendere veramente più efficace il lavoro dei parlamentari, senza svilire però in alcun modo la Costituzione e le sue regole democratiche, servono invece meccanismi e regolamenti meno burocratici e sicuramente un sistema che obblighi i parlamentari alla presenza e che li faccia lavorare non uno o due giorni a settimana come avviene oggi, ma almeno il doppio. Forse così capirebbero tutti cosa vuol dire lavorare ed occuparsi dei problemi del paese.

Quanto poi al risparmio economico che si otterrebbe attraverso la riduzione di senatori e deputati, noi siamo certi che un recupero equivalente, se non superiore per le casse dello Stato, si otterrebbe attraverso una riduzione del 50% di quanto percepito da chi viene eletto. Se dall’attuale stipendio lordo di un parlamentare, che varia dai 15.000 ai 20.000 euro al mese, si tagliasse il 50%, crediamo che nessuno potrebbe lamentarsi e si otterrebbero così tre risultati: un forte risparmio economico, un atto di giustizia sociale e la probabile rinuncia a candidarsi di chi vede e vive un seggio in Parlamento più come un bancomat che come un ruolo fondamentale nella vita democratica del Paese.

Potere al Popolo ritiene che i problemi di questo Paese siano altri e ben più importanti e concreti. Riguardano le ingiustizie sociali, la necessità di lavoro e di reddito, una politica ambientale che affronti i problemi dell’inquinamento globale e locale, una sanità adeguata ed accessibile a tutti, un welfare che non deve essere lasciato in mano ai privati, una scuola e una sanità pubblica, un sistema industriale che si muova lungo un filo conduttore che deve necessariamente essere deciso dal soggetto pubblico.

Questa della riduzione dei parlamentari è quindi il frutto di una politica strumentale e demagogica che nasconde una voglia di autoritarismo slegata dai contenuti della Costituzione italiana.

Il Referendum non prevede quorum e quindi vincerà il si o il NO in base ai voti reali espressi, anche se non si raggiungerà il 50%+1 dei votanti.

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Ospiti

Coronavirus, Zironi: "Noi e il dopo Pandemia"

Ospiti

Codacons: "sospendere le bollette in tutta Italia"

Ospiti

Santa Marinella, il tenore canta dal balcone e commuove il web

Ospiti

Civitavecchia, la Capitaneria ringrazia chi continua a operare

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.