fbpx
Attualità

“Coronavirus, allarmismo eccessivo”

138 Condivisioni

I cittadini di Ladispoli dicono la loro sull’emergenza Covid-19

“Coronavirus, allarmismo eccessivo”

Niente scuola per gli studenti di tutta Italia e chi soffre di patologie croniche deve evitare luoghi affollati. Sono questi i due “principi” che negli ultimi giorni si stanno diffondendo assiduamente tramite canali istituzionali e i mass media. Gli stessi, che il popolo italiano dovrebbe rispettare per cercare di contenere al massimo l’emergenza Covid-19.

E così, già da ieri, i banchi di scuola sono rimasti vuoti, per poter meglio affollare i supermercati. Nonni accompagnati da nipoti, genitori accompagnati dai loro figli in “vacanza forzata” tra le corsie dei negozi di generi alimentari della città a fare provviste. Sebbene il decreto emesso dal Governo per cercare di contenere al massimo l’emergenza da covid-19 detti precisamente alcune linee guida da seguire, non tutti a quanto pare sono d’accordo.

«È un allarmismo eccessivo – spiega un ladispolano a passeggio lungo viale Italia – L’economia sicuramente ne risentirà tantissimo. Già eravamo in crisi – ha proseguito – ora l’Italia andrà ko».

A fargli da eco un altro ladispolano, over 65: «Ci stanno prendendo in giro. Non sono questi i modi per gestire una emergenza. Quando c’era la mucca pazza o la spagnola – ha sottolineato – non è stato fatto quello che stanno facendo ora».

Anche lui è d’accordo che a risentirne in particolar modo sarà l’economia, proprio come confermato da un agricoltore del posto: «I carciofi non si vendono – ha detto – La gente non frequenta più il mercato. Se continua così sarà vera crisi, non sapremo come pagare gli operai».

Un allarmismo dunque eccessivo, come detto anche dal presidente del consiglio Maria Caredda che però ha precisato: «La cautela è importante ma la psicosi deve restare fuori dalle nostre teste».

C’è però in città chi pensa anche che le disposizioni del Governo siano corrette: «Credo che quanto deciso – ha spiegato un altro ladispolano – sia giusto per cercare di contenere il problema». Ma si poteva fare qualcosa ancor prima? Per alcuni la risposta è sì. «Sono convinto che sin dall’inizio – ha spiegato ancora un altro cittadino – il Governo avrebbe dovuto bloccare chiunque provenisse dalla Cina, in questo modo saremmo riusciti a contenere ancora di più il problema».

Di seguito la nostra intervista:

Coronavirus, le reazioni della gente all'indomani della pubblicazione del decreto da parte del Governo

Pubblicato da Tv Litorale su Giovedì 5 marzo 2020
138 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Attualità

Sanità, ''Realizzato straordinario doppio trapianto Italia-Spagna''

Attualità

Coronavirus, 95mila over 80 vaccinati su 300mila prenotati

Attualità

Francesco Totti e Ilary Blasi in gita sul lago di Bracciano

Attualità

Manziana piange la scomparsa di Lucio Gattabria

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.