fbpx
AttualitàCronaca

Cyberbullismo a scuola: 4 minori ammoniti dal Questore

Cyberbullismo a scuola: 4 minori ammoniti

Avevano preso di mira un compagno di scuola con problemi di disabilità e all’inizio di questo anno scolastico, alcuni ragazzi 15enni, che frequentano il secondo anno di una scuola superiore della capitale, hanno creato un gruppo whatsapp con l’intento di denigrarlo e offenderlo. Per tre ragazzi e una ragazza è scattato l’ ammonimento per cyberbullismo firmato dal   Questore di Roma.

La richiesta di emissione della misura di prevenzione alla Divisione Polizia Anticrimine è stata presentata dal padre della  vittima, preoccupato per lo stato di profondo sconforto in cui era caduto il figlio a causa dei comportamenti vessatori di alcuni suoi compagni.

Cyberbullismo a scuola: 4 minori ammoniti dal Questore
Cyberbullismo a scuola: 4 minori ammoniti dal Questore

Luigi, il nome è di fantasia, soffre di un disturbo dell’attenzione che influisce, anche se in maniera lieve, sul suo quoziente intellettivo e per questo è stato spesso oggetto di scherno e di atti di bullismo da parte dei suoi compagni scuola.

A settembre 2019, Luigi è stato inserito nel gruppo whatsapp, che già nella denominazione riportava un chiaro riferimento alla sua disabilità. Come se ciò non bastasse, in più occasioni, i 4 ragazzi hanno anche pubblicato fotografie che lo ritraevano, inserendo commenti offensivi e denigratori nei suoi riguardi, sordi alle sue richieste di smetterla ed incuranti di quanto le loro parole potessero ferirlo.

La giovane vittima, leggendo i commenti offensivi e di scherno, ha avvertito una situazione di disagio e malessere psico-fisico e ha quindi scelto di abbandonare il gruppo trovando la forza di raccontare a scuola e a casa quello che gli era accaduto.

Il padre ha deciso allora di rivolgersi alla Polizia di Stato, producendo i messaggi denigratori. Gli agenti della Divisione Anticrimine hanno valutato la documentazione e per i quattro “bulli” è scattato l’ammonimento per cyberbullismo, un provvedimento introdotto dal legislatore come strumento di dissuasione e recupero dei ‘bulli’: se le angherie dovessero continuare i quattro giovani verranno denunciati alla Procura dei Minori.

Convocati negli uffici di Polizia è stato loro spiegato la gravità della loro condotta e sono stati invitati a cancellare riproduzioni e commenti dal proprio telefonino e da qualsiasi altra memoria o archivio, relativi al minore, nonché dai social network, e a non pubblicare, con mezzi telematici, nulla che lo riguardi senza il suo espresso consenso.

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Attualità

Coldiretti Lazio porta la Pasqua a tavola con i prodotti del mercato di via Tiburtina

CronacaNotizie

Fiumicino, 25 positivi al Covid-19. Scendono a 76 le persone in sorveglianza attiva

CronacaNotizie

Civitavecchia, proseguono i controlli dei Carabinieri: un arresto e un negozio chiuso

AttualitàCittà

Ladispoli, lo Sportello Lavoro Umana rimane aperto grazie al supporto a distanza

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.