fbpx
 
CronacaNotizie

Vendevano illegalmente tabacchi sul web: oscurati 59 siti

Le Fiamme Gialle sono intervenute in tutela del Monopolio verso siti Internet e annunci diffusi in rete che proponevano non solo tabacchi, ma anche sigarette elettroniche, filtri e cartine

Vendevano illegalmente tabacchi sul web: oscurati 59 siti –

Erano 59 i siti e 138 gli annunci web che proponevano illecitamente l’acquisto di tabacco, sigari, sigarette e liquidi da inalazione per sigarette elettroniche, cartine e filtri che sono stati oscurati dalla Fiamme Gialle.

Ad intervenire è stato il Nucleo Speciale Tutela Privacy e Frodi Tecnologiche della Guardia di Finanza, un’unità specializzata nelle investigazioni tecnologiche che costantemente monitora le attività online, comprese quelle che riguardano le frodi verso i Monopoli di Stato.

La vendita dei tabacchi in Italia è vietata online

Nel nostro Paese solo gli esercenti autorizzati, tramite le attività commerciali al dettaglio, possono vendere tabacchi e valori assimilabili. La vendita tramite Internet è espressamente vietata, ed è per questo che le Fiamme Gialle monitorano la rete costantemente alla ricerca di questo tipo di prodotti.

L’acquisto dei prodotti online è ovviamente pericoloso: tali prodotti potrebbero facilmente essere stati prodotti in elusione delle norme sulla sicurezza e presentare contraffazioni con rischi per la salute di chi li usa o assume.

Come avvengono le indagini della Guardia di Finanza in Rete?

Le investigazioni su Internet sono una fusione di metodologie di ricerche in Rete, ma soprattutto di aggregazione e analisi dei dati.

Lo scopo non è solo quello di individuare i siti dove è possibile comprare questi prodotti illegalmente, ma soprattutto tentare di risalire a chi si cela dietro a queste pagine e soprattutto dietro agli annunci.

Quest’ultimi sono reperibili su note piattaforme di pubblicazioni in chiaro, facili da raggiungere da chiunque.

Il rischio per chi inserisce tali annunci è in primo luogo una multa che può arrivare anche a 10 mila euro.

Ad essere vittime di tali proposte commerciali illegali sono soprattutto i minori: è infatti spesso con questo metodo che si aggirano le restrizioni di vendita dei tabacchi ai minorenni.

Questi controlli servono anche per assicurarsi dell’applicazione di determinati strumenti di controllo anche da parte degli editori delle piattaforme, proprio per tutelare i consumatori e i più giovani.

Claudio Lippi

Post correlati
CittàCronaca

Roma, arrestate 4 persone per tentato furto aggravato in appartamento

CittàCronaca

Pista ciclabile, buche e carenza d'acqua, i cittadini di Cerenova in protesta

AttualitàCittàNotiziepolitica

Cerveteri, caos Sagra dell'Uva: edizione a rischio?

Notizie

Cerveteri, chiusura dell'Asilo comunale: la replica della Cooperativa Filef

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.