fbpx
 
EconomiaMondoNotizie

Triplicati i prezzi del pellet, cosa sta succedendo?

La guerra russo-ucraina, aumento della domanda e costo dei trasporti. Il pellet tocca i 10 euro per 15 kg

La guerra in Ucraina spaventa i mercati internazionali e costringe i paesi a una politica di austerity. Il timore sta contagiando anche le famiglie che sempre più spesso scelgono metodi di risaldamento alternativi. Eppure, stufe a legna e pellet sembrano non essere più così convenienti.

Le pagine del Today mostrano che i prezzi del pellet, in diverse zone dello stivale, sono addirittura triplicati, arrivando a toccare i 10 euro per sacchetti da 15 kg. Le ragioni sarebbero dovute alla guerra e alle difficoltà di approvvigionamento e a un aumento della richiesta a cui l’offerta fatica a rispondere. Non solo, complice dell’aumento esponenziale, è anche l’aumento del costo per il trasporto della materia.

Triplicati i prezzi del pellet, cosa sta succedendo?

Infatti i nostri maggiori fornitori creano pellet sfruttando gli scarti di legname che arrivano direttamente dai paesi coinvolti nel conflitto, dunque Russia e Ucraina. La Russia ha bloccato direttamente e indirettamente questo commercio, i mercati hanno fatto il resto.

Il risparmio resta, ma la differenza tra sacchetti di pellet e costo del gas inizia ad assottigliarsi.

I 5 stelle propongono un taglio sull’IVA dei combustibili e si pensa già a soluzione alternative come mais essiccato o anche i gusci di frutta essiccati.

Da attenzionare anche il pericolo truffe da parte di siti online che non consegnano dopo la vendita o trasportano pellet di una qualità più bassa rispetto a quanto dichiarato.

Post correlati
Notizie

Ladispoli e Civitavecchia avviano il progetto pilota "Le ricette per la salute: più iodio meno sale"

Notizie

Cerveteri, domani interruzione elettrica in diverse zone di Valcanneto

Notizie

Santa Marinella, Tidei e Amanati: "Oggi proficuo in Regione Lazio in tema di Polizia Locale"

Notizie

Asl Roma 4, ristrutturazioni al San Paolo: trasferimento pronto soccorso e nuovi accessi alla struttura

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.