fbpx
Notizie

Ri-Port- iamo il Commercio: flash mob ieri a Civitavecchia

Manifestazione di protesta per la situazione del porto e per la tragica situazione che vede coinvolto il commercio cittadino

Ri-Port- iamo il Commercio: flash mob ieri a Civitavecchia –

Ri-Port- iamo il Commercio: flash mob ieri a Civitavecchia
Ri-Port- iamo il Commercio: flash mob ieri a Civitavecchia

Manifestazione di protesta ieri al porto di Civitavecchia per la situazione del porto e per la tragica situazione che vede coinvolto il commercio cittadino.

Promotori dell’iniziativa l’associazione Luci spente Commercianti Civitavecchia, l’Unione commercianti e artigiani Civitavecchia e gli operatori portuali.

“Porto e commercio, due pilastri economici su cui si fondava lo sviluppo di Civitavecchia, vivono una crisi devastante”, avevano scritto gli organizzatori annunciando il flash mob.

“Cassa integrazione, banchine vuote, negozi che stanno valutando la chiusura definitiva”.

“Una città allo sbando che rischia di perdere la propria identità, di essere un pericoloso focolaio di disoccupazione; una tragedia per i piccoli negozi, in particolare una carneficina per alcune tipologie di vendita, quali abbigliamento e calzature, tutto quello che gira al mondo delle cerimonie, che racchiude tantissime realtà produttive, completamente bloccate, bar e ristoranti con posti contingentati che in molti casi non sono sufficienti a coprire nemmeno i costi vivi”.

Ri-Port- iamo il Commercio: flash mob ieri a Civitavecchia
Ri-Port- iamo il Commercio: flash mob ieri a Civitavecchia

“In pratica – avevano proseguito – non si continua a comprendere che dietro il piccolo commercio non c’è capitale, ci sono famiglie, passione lavoro, che rischia di scomparire per sempre”.

I commercianti chiedono “un decreto per il turismo (15% pil nazionale). Chiediamo un sostegno concreto per tutte le professioni coinvolte, dai tour operator, agenzie di viaggio, guide, accompagnatori, hotel e tutte le strutture di accoglienza, tassisti, ….”

“I prossimi mesi debbono essere a zero burocrazia, se non si vuole che migliaia di imprese chiudano per sempre”.

“Crediamo comunque che la novità della protesta sia nel connubio tra associazioni di commercianti e aziende che lavorano nel porto per estendere poi a tutte quelle che sono le attività che caratterizzano una città e ci riferiamo a tutte le realtà culturali che riguardano il teatro, cinema e musica e ancora tutte le grandi realtà sportive e soprattutto l’enorme realtà turistica che comprende tantissime figure strutture lavorative molto importanti in questa città”.

“Il porto è un bene comune; anzi il porto appartiene alla città e, diversamente da come è ora, deve dialogare con la città non rinchiudersi nella torre eburnea in cui si è trincerato”.

“Da anni chiediamo che questa città diventi una città porto cercando di abbattere quella barriera materiale che esiste tra Civitavecchia ed il porto”.

Ri-Port- iamo il Commercio: flash mob ieri a Civitavecchia
Ri-Port- iamo il Commercio: flash mob ieri a Civitavecchia

“La crisi delle crociere, che ricordiamo portavano nel commercio e nei servizi, circa 80 milioni l’anno, sarà una ulteriore mazzata al commercio cittadino, che si andrà aggiungere al lockdown”.

“Questa è una città che vedrà consumi in calo, disoccupazione crescente, aziende in crisi”.

“Noi abbiamo dato la nostra solidarietà ai lavoratori a rischio licenziamento, ai metalmeccanici dell’Enel, ora chiediamo la solidarietà dei lavoratori al rischio della scomparsa di un intero sistema commerciale”.

“E diversamente da altre organizzazioni, che discutono in ambiti oligarchici, vogliamo aprirci alle circa cinquemila partite iva, che stanno vivendo una crisi devastante, vorremmo che si discutesse la strategia e lo sviluppo economico di questa città nel prossimo futuro”.

“I commercianti, gli operatori turistici, debbono assolutamente partecipare alle decisioni strategiche che verranno prese”.

“A nostro avviso vorremmo che Civitavecchia abbandoni un vecchio modello di sviluppo energetico legato al fossile e si aprisse al ritorno di una vocazione turistica che è stato l’elemento centrale per uno sviluppo sostenibile”.

“Vorremmo che tutti si esprimessero e vorremmo che la categoria del terziario, sino ad oggi primaria per occupazione e partecipazione al pil, potesse partecipare allo sviluppo strategico di questa città”.

“Per questo abbiamo deciso di avviare una manifestazione con le imprese del porto; nella consapevolezza che ci troveremo nel prossimo caldo autunno, ad una vera guerra tra poveri, tra precari, cassa integrati, partite iva e commercianti disoccupati, lavoratori in nero; su questa guerra tanti ci soffieranno sopra”.

E proprio il flash mob di ieri ha avuto come obiettivo quello di far capire che “in questa città ci si salva tutti insieme, con una alleanza mai avvenuta, ma a una crisi anomala, dove è saltata sia l’offerta che la domanda, si debbono dare risposte diverse da quelle classiche”.

E gli organizzatori hanno voluto ringraziare quanti hanno preso parte all’iniziativa.

“Una bella manifestazione che ha riunito tante categorie di lavoratori con un unico obiettivo: salvare il lavoro in questa città”.

“Con le difficoltà di questo periodo, l’organizzazione è stata un po’ complicata”.

“Ci sono voluti permessi al porto, difficoltà pratiche nell’organizzare tutto comunicando coi telefoni”.

“E’ stato un bel lavoro corale”.

“Ringraziamo la Capitaneria di Porto, l’Autorità portuale per i permessi”.

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Caso Vannini, Federico Ciontoli in aula: "Per anni ho avuto paura che qualcuno potesse spararmi"

Notizie

Filippino che viveva a Cerveteri trovato senza vita in mare

Notizie

Coronavirus, guarita una persona a Ladispoli e una a Civitavecchia

Notizie

Coronavirus, iniziate a Fiumicino operazioni dei test per autorizzati a sbarco da volo Qatar

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.