fbpx
politica

Referendum. De Angelis: “solo parole che accentreranno il potere nelle mani di pochi”

19 Condivisioni

Il No al Referendum perché “Questa legge non diminuisce i costi e non snellisce le procedure”

Referendum. De Angelis: “solo parole che accentreranno il potere nelle mani di pochi” –

Una lettera di Pio De Angelis, dopo parecchio tempo, per dare un’opinione sul perché votare No al prossimo referendum costituzionale sulla riduzione dei parlamentari.

I motivi nella mancata riduzione dei costi e nel non ottenibile snellimento nello svolgimento dei lavori in Camera e Senato.

È passato del tempo dal mio ultimo post.

Ho lasciato scorrere il tempo e gli eventi, i decreti e le notizie.

Ho voluto ascoltare.

Ma adesso siamo chiamati al voto: il 20 e 21 settembre votiamo per la riduzione del numero dei parlamentari.

Mi sono chiesto: “votare sì o votare no?”

Io voto “no”.

Voto “no” perché, il progetto di diminuire il numero dei parlamentari, nasceva dalla necessità di ridurre i costi, snellire le procedure e accelerare il lavoro di chi le leggi deve farle e metterle in pratica.

Ma questa legge non diminuisce i costi.

Questa legge non snellisce le procedure.

E di certo questa legge non rende il parlamento più rapido nell’agire per il paese o reagire alle sue difficoltà.

Leggo questo disegno di legge e vedo solo parole che accentreranno il potere nelle mani di ancora meno soggetti, garantendo a questi ultimi ancora più vantaggi, ancora più privilegi, ancora più impunità.

Per questo io voto “no”.

Per le elezioni dei sindaci e dei consigli comunali, così come dei governatori e dei consigli regionali Vi dico invece: “votiamo per le coalizioni di centro destra”.

Come più volte ho detto, sono convinto che Esse siano la sola alternativa possibile alle attuali amministrazioni territoriali che hanno instillato, usato e sfruttato la paura per il proprio tornaconto e per promuovere interessi personali.

Quelle stesse amministrazioni che hanno abbandonando i cittadini in difficoltà, soffocato le attività del settore privato e impedito il lavoro degli enti pubblici.

A molti ciò che ho detto non piacerà. Lo capisco.

Come capisco e accetto chi dissentirà dal mio pensiero.

Ma in questo momento in cui, solo grazie alle abilità e alla forza dei nostri cittadini, ancora combattiamo i mille problemi che ci affliggono come nazione, come popolo e coma umanità, credo sia giusto fare tutto il possibile per gettare il cuore oltre l’ostacolo.

E ognuno di noi è chiamato a contribuire facendo qualcosa, o solo dicendo qualcosa, o semplicemente proponendo qualcosa.

Questo è il mio piccolo, forse inutile, di certo sentito contributo.

Grazie per l’attenzione.

Pio De Angelis

19 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
politica

Economia M5S: "Grazie al superbonus 110% nasce una edilizia amica dell'ambiente"

politica

Ladispoli, convocato il consiglio comunale

politica

Non potabilità Civitavecchia, Frascarelli: "Tolleranza zero con chi ci urla nel manico"

Cittàpolitica

Coronavirus, Severini: "Bene Cangemi che ha raccolto l'appello del territorio"

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.