fbpx
CittàNotizie

“L’altro”, un nuovo tema come filo conduttore per il 2020

“È la prima volta che tre Associazioni fondono le loro forze per gettare luce sulle possibili declinazioni di un argomento”

“L’altro”, un nuovo tema come filo conduttore per il 2020-

La Biblioteca Gino Pallotta ha deciso di selezionare un tema come filo conduttore delle iniziative del 2020. La scelta è caduta su “L’Altro”. Perché “l’altro”? Perché è un concetto che ci accompagna durante tutta la vita: l’altro individuo, il diverso da me, da quello che sento, percepisco, vedo e penso. L’altro dal punto di vista antropologico e culturale. 

L’idea iniziale, che nasce da uno scambio di riflessioni tra la Biblioteca e Sandro Polo, storico dell’arte da anni attivo nel Comune di Fiumicino, si è trasformata con la partecipazione dell’Albero di Maccarese e 99Fontanili di Torrimpietra, in un progetto dal soggetto condiviso destinato a essere esplorato all’interno delle varie attività culturali svolte dalle associazioni, alla luce delle peculiarità socio-culturali del territorio.

“L’altro”, un nuovo tema come filo conduttore per il 2020

Da qui è emerso “L’Altro” (L’Albero e 99Fontanili hanno optato per il tema L’Altro e L’Altrove, allargando il punto di vista della Biblioteca). È la prima volta che tre Associazioni fondono le loro forze per gettare luce sulle possibili declinazioni di un argomento, e in particolare su un tema così poliedrico e affascinante: l’altro cinema, l’altra agricoltura, l’altra arte, l’altra musica, l’altro geografico, le altre etnie, l’altra cultura ecc. Il campo è vastissimo. La Biblioteca potrà esaminare in quale modo “l’altro” sia stato rappresentato nella letteratura, nella musica, nel cinema, nella antropologia, nell’arte, nella società. 

Conoscere “l’altro” cosa vuol dire? Vuol dire poter esplorare punti di vista diversi dai nostri; vuol dire  vivere il confronto con lo sconosciuto come arricchimento personale. Vuol dire “mettersi nei panni dell’altro”, indossare i suoi vestiti, approcciarsi al suo universo, vuol dire superare la diffidenza. La Biblioteca, “aperta e inclusiva” così come è stata immaginata fin dalla sua nascita, può svolgere un ruolo importante di studio e riflessione. 

Uno degli aspetti dell’Altro che la Biblioteca ha ritenuto doveroso sviluppare, è quello relativo alla non troppo conosciuta cultura Sikh, visto che nel Comune di Fiumicino risiedono circa 500 persone appartenenti a questa etnia, perlopiù impegnati nell’agricoltura, negli allevamenti e nella balneazione.

L’intento è quello di avviare uno scambio tra i cittadini italiani e la comunità Sikh per entrare in relazione con queste famiglie per costruire ponti di amicizia e solidarietà.

Il programma delle iniziative del 2020 è ricco di novità. Ci auguriamo che altri cittadini del Comune e altre Associazioni si unissero a noi per dar vita a progetti e attività che contribuiscano a migliorare la nostra qualità della vita. Vi aspettiamo!

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Ladispoli, tra emergenza covid e bonus affitti persiste il rischio sfratto

Notizie

Cerveteri, le mascherine di Roberta Crisanti al Mascagni Festival Gala di Livorno

CittàNotizie

Incendio in Via delle Cardelle: spento grazie all’elicottero antincendio

CittàNotizie

Emergenza idrica a Cerveteri. Pascucci: “serve un consumo responsabile dell’acqua”

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.