fbpx
 
Notizie

Ladispoli, reddito di cittadinanza e propaganda. “miracolo elettorale di Grando”

Il movimento 5 stelle attacca l’amministrazione: “il colpaccio, utilizzare i percettori di reddito sotto elezioni”

Ladispoli, reddito di cittadinanza e propaganda. “miracolo elettorale di Grando” –

Ladispoli M5S Grando politicante
M5S: “Altro miracolo elettorale, i percettori di reddito di cittadinanza cominciano ad essere utilizzati anche a Ladispoli”

“Dovremmo essere sempre in campagna elettorale a Ladispoli per veder lavorare finalmente questa Amministrazione Grando.”

Lo dichiara in un comunicato il Movimento 5 Stelle Ladispoli, affermando inoltre:

“Dopo le asfaltature, il ponte Bikila e chissà quale altro coniglio dal cilindro, finalmente siamo arrivati ad un colpaccio: utilizzare i percettori del Reddito di Cittadinanza.

Vorremmo chiarire subito una cosa: a differenza di molti, noi siamo convinti che utilizzare queste persone non sia un modo per dire che è “finita la pacchia” stile Ministro Brunetta, bensì sia un modo per ridare onorabilità a persone che, pur in gravi difficoltà economiche, ritengono che il lavoro sia una parte preponderante della dignità umana.

Il RdC, da parte dei detrattori, è sempre stato visto come una regalia a fannulloni che prendevano lo stipendio gratis.

Andando poi nello specifico constatiamo che la maggioranza silenziosa è fatta di essere umani come noi ma meno fortunati perché magari malati, ancora senza lavoro o che l’hanno perso e non riescono a trovarne altri.

La peggior politica ed il peggior giornalismo hanno sempre dato il massimo risalto a quei pochissimi casi di gente che ne ha approfittato, quasi come se bastasse una mela marcia per buttare tutto il cesto.

Se fosse così non dovrebbe rimanere nessun politico, visti gli esempi che ci danno ma noi del M5S crediamo, pur con tutte le pecche che stiamo correggendo, in questo strumento di DIGNITA’ UMANA.

Già nel 2019 e poi l’anno successivo abbiamo chiesto a questa amministrazione di “svegliarsi” e preparare progetti per l’utilizzo dei percettori in lavori di utilità sociale, consapevoli della volontà, dei nostri concittadini sfortunati, di mettere il proprio lavoro al servizio della collettività.

Ovviamente la risposta allora fu il silenzio, oggi grazie alle elezioni improvvisamente riescono ad utilizzarne solo 10 in lavori di utilità sociale, eppure moltissimi altri comuni, anche in piena pandemia, hanno avviato questi progetti, e non parliamo dei grossi centri urbani ma anche di piccole realtà sparse tra Nord e Sud.

A poche ore dalla Festa dei Lavoratori riteniamo, ora più che mai, che il lavoro non sia solo il mezzo per ottenere risorse economiche ma sia anche un modo per aiutare a ritrovare un ruolo nella nostra società a persone meno fortunate di noi, concetti che evidentemente sono estranei a queste forze politiche che ci amministrano.”

Post correlati
Notizie

Trenitalia in sciopero domani e venerdì: possibili disagi

CittàNotizie

Santa Marinella, divieto di transito su via Valdambrini fino al 3 dicembre

CittàNotizie

Accoltellamento Civitavecchia: trovato il tunisino

CittàNotizie

Fiumicino: aveva con sé la "droga dello stupro", arrestato

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.