fbpx
 
CittàCronaca

Kitesurfer, l’elicottero non aveva la scatola nera a bordo

Per i legali della difesa non è stato l’elicottero a risucchiare Ognibene, ma un “colpo di vento”

Ci sono voluti più di quattro anni per la prima udienza del processo relativo al kitesurfer ferito da un elicottero militare. Nei giorni scorsi, presso il giudice di pace di Civitavecchia, si è presentato in aula lo sportivo, di professione artigiano odontotecnico, che il 3 ottobre 2018 venne aspirato dal passaggio del potente Chinook sulla spiaggia nord di Torre
Flavia. Emozionato il 53enne che ha ricordato quel giorno e l’incidente che lo ha coinvolto.

Kitesurfer, l'elicottero non aveva la scatola nera a bordo
Kitesurfer, l’elicottero non aveva la scatola nera a bordo

Alessandro Ognibene di fronte al giudice Rita Mannarà ha ricostruito l’accaduto confermando di fatto di essere stato sbalzato via per un volo di oltre 10 metri dall’elicottero, durante un’esercitazione interforze. Questa versione è stata, però, respinta dai legali della difesa che puntano invece sul «colpo di vento». Secondo gli avvocati dei
tre imputati, due piloti e un graduato della Marina militare appartenente ai servizi segreti, non è stato l’elicottero a risucchiare Ognibene mentre si accingeva ad entrare in acqua per praticare il kitesurf.

Tra gli elicotteri in azione quel giorno, solo quello coinvolto non aveva la scatola nera a bordo. Quindi non ci sarebbero prove anche se un militare della
Capitaneria di porto che ha condotto le attività investigative ha sostenuto che il tracciato di volo era compatibile. Non sono state però acquisite le registrazioni delle conversazioni audio degli altri velivoli impegnati in quella giornata nell’esercitazione. Ma ad inguaiare gli imputati potrebbero essere ora tre testimoni che il 3 ottobre si trovavano a Torre Flavia e che avrebbero assistito alla scena.

Si tratta di un vigilantes, un pescatore e un cittadino che stava passeggiando sull’arenile. Tutti e tre testimonieranno in aula nella prossima udienza prevista il 4 novembre prossimo. La zona non era stata interdetta. “Siamo contenti per l’avvio del processo – commenta il legale del kitesurfer, Giacomo Tranfo -fiduciosi che la verità possa emergere”.

Post correlati
Città

Civitavecchia, Cacciapuoti: "Lavori straordinari a corso Marconi per far brillare la vetrina della città"

Città

Ladispoli Attiva: "Benvenuti in Acea, tra disservizi e mancanza di comunicazioni ai cittadini"

Cronaca

Via Aurelia Antica, un albero crolla e danneggia muro di cinta: strada chiusa

Città

Civitavecchia, l'8 dicembre al San Giorgio notte di Meraviglie e volontariato

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.