fbpx
AttualitàCultura

Cerveteri, rassegna Monica Vitti: domenica appuntamento eccezionale con “La Notte”

La rassegna proposta dal Professor Michele Castiello si sposta straordinariamente alla domenica

Cerveteri, rassegna Monica Vitti

Nel suo quarto appuntamento, la rassegna dedicata a Monica Vitti ideata e diretta dal Docente UPTER – Roma Michele Castiello, propone “La Notte”, film del 1961, capitolo centrale della cosiddetta “trilogia esistenziale” o “dell’incomunicabilità”, settimo lungometraggio diretto da Michelangelo Antonioni, Orso d’oro al Festival di Berlino, Nastro d’argento e David di Donatello per la regia del miglior film.

L’appuntamento è eccezionalmente per domenica 2 febbraio, anziché la canonica giornata del sabato, sempre alle ore 16:30, sempre nei locali di Sala Ruspoli in Piazza Santa Maria a Cerveteri.

Cerveteri, rassegna Monica Vitti: domenica appuntamento eccezionale con “La Notte”
Cerveteri, rassegna Monica Vitti: domenica appuntamento eccezionale con “La Notte”

Al debutto nelle sale de “La Notte”, che è valso tra l’altro anche un Nastro d’Argento a Monica Vitti come Migliore Attrice non protagonista e a Giorgio Gaslini per la migliore colonna sonora, vi furono celebri interventi provenienti dal mondo intellettuale, fra cui quello di Moravia, che elogiò l’originalità della narrazione, e quello di Pasolini, il quale analizzò acutamente punti di contatto e differenze con il romanzo La noia dello stesso Moravia, pubblicato proprio in quei mesi.

“Prosegue con successo la rassegna cinematografica dedicata a Monica Vitti, icona del cinema italiano che ha segnato un’epoca in maniera indissolubile, con la sua espressività, la sua arte e il suo talento – ha dichiarato l’Assessora alle Politiche Culturali del Comune di Cerveteri Federica Battafarano – i primi appuntamenti hanno avuto un grande successo di pubblico, una platea in costante crescita e davvero interessata alle ampie e sempre accurate introduzioni che il Professor Castiello cura personalmente di ogni film. Spero che anche questo nuovo appuntamento possa riscuotere un ampio successo e partecipazione”.

Annoverato da Stanley Kubrick tra i suoi film preferiti, il film è ambientato nei primi anni sessanta nel pieno fervore sociale del boom economico, durante l’arco di un pomeriggio ed una notte. “L’ambiente è quello dei “nouveaux riches”, dove lavoro e cultura, snobismo e affettazione si mescolano, e dove l’autenticità viene a volte scolorita e mistificata dalle maschere degli atteggiamenti”. Come per le pellicole precedenti del regista ferrarese, La notte non incontrò i favori del pubblico, mentre ebbe immediatamente un notevole impatto sulla critica, conquistando grandi lodi e consacrando Antonioni quale maestro di un cinema moderno ed atipico, destinato ad avere una significativa influenza su molte generazioni successive di cineasti (Malle, Godard, Wenders, Wong Kar-wai, Fatih Akın, Hou Hsiao-hsien, Kim Ki-duk) e movimenti (Nouvelle Vague).

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
AttualitàCronaca

Coronavirus, da domani a Roma sospese le procedure concorsuali

Cultura

Il territorio protagonista a Firenze con Tourisma

AttualitàCronaca

Coronavirus, sospese le uscite didattiche e i viaggi d'istruzione

Attualità

Coronavirus, il premier Conte: "Il comitato operativo pronto a valutare nuove misure"

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista
Hai bisogno di aiuto?