fbpx
Notizie

Cerveteri, costone pericolante: a rischio i tesori etruschi

49 Condivisioni

Fratelli d’Italia Cerveteri LiberaMente: “Greppe Sant’Angelo a rischio. Un costone dichiarato pericolante dai VVF”

Cerveteri, costone pericolante: a rischio i tesori etruschi – riceviamo e pubblichiamo

A Cerveteri una spada di Damocle pende su una delle zone di maggior pregio dal un punto di vista dei ritrovamenti archeologici. Un costone tufaceo è stato dichiarato pericolante dai Vigili del fuoco, che hanno provveduto a transennare la sottostante via di Sant’Antonio (direzione Fosso della Mola). Nelle vicinanze si trova la necropoli rupestre di Greppe Sant’Angelo con la monumentale Tomba di Caronte e il Santuario di Ercole, due dei siti più preziosi del territorio cerveterano. Basti pensare che la famosa coppa a figure rosse con Ilioupersis, firmata da Euphronios, è stata ritrovata proprio in questa zona. Un territorio quindi che ha custodito e che potrebbe ancora custodire grandi tesori e che rischia di essere messo seriamente in pericolo da un’eventuale frana. 

L’intera zona dal 2004 fa parte dell’Unesco, secondo il quale i reperti di Cerveteri “sono eccezionali sia per qualità formali che per il contenuto delle raffigurazioni che rivelano aspetti della vita quotidiana, della morte e delle credenze religiose degli antichi Etruschi”. In particolare, il “contesto funerario di Cerveteri riflette gli stessi schemi urbanistici e architettonici della città antica”, rappresentando di fatto “l’unico tipo di civiltà urbana dell’Italia pre-romana”. Uno degli esempi più rilevanti di questo patrimonio è proprio il santuario di Ercole, una divinità  particolarmente venerata nell’antica Caere. 

Il sindaco di Cerveteri, Alessio Pascucci, nei giorni scorsi, annunciando la chiusura della strada, ha fatto sapere che “verranno effettuati ulteriori controlli”. Ma le condizioni del costone lasciano immaginare la necessità di un intervento tempestivo da parte dell’amministrazione e delle Belle arti. A farsi carico di questo intervento, trattandosi di una zona di grande pregio archeologico e quindi di interesse pubblico, non possono essere i privati proprietari dei terreni soprastanti. A maggior ragione perché si tratta di assegnatari e di titolari di vecchia data (sulla zona è stato posto un vincolo a partire dal 1960). La speranza di tutta la collettività è che le Istituzioni si facciano carico al più presto della messa in sicurezza della zona, sia per garantire l’incolumità dei cittadini ma anche per preservare il patrimonio che custodisce questo territorio.  

Fratelli d’Italia

Cerveteri LiberaMente

49 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Cerveteri, il plesso a disposizione degli alunni del “Cena”: insorgono i genitori di “Casetta Mattei”

Notizie

Ladispoli - Cerveteri: la pista ciclo-pedonale a Torre Flavia inizia a prendere forma

Notizie

Manziana, donna trovata morta in casa

Notizie

Coronavirus Cerveteri, oggi i test rapidi al Mattei

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.