fbpx
CittàNotiziepolitica

Casapound, 25 aprile: “A Cerveteri sfoggio di ignoranza”

33 Condivisioni

Dito puntato contro il primo cittadino Alessio Pascucci

Casapound, 25 aprile: “A Cerveteri sfoggio di ignoranza” –

Riceviamo e pubblichiamo –

“Sulla “festa” del 25 aprile francamente riterrei di sorvolare, è già noiosa ogni anno di più e criticarla ogni anno rischia di regalarle l’interesse che ha perso da tempo, semmai lo abbia realmente avuto: c’è la storia per questo, non servo certo io”.

A puntare il dito contro le celebrazioni di ieri a Cerveteri è Casapound.

Il movimento politico punta i riflettori contro in particolare contro il discorso pronunciato dal primo cittadino.

Parole quelle di Pascucci che “hanno avuto il sapore di una disperata vox clamantis in deserto, dinanzi più che altro agli operatori della sicurezza che si trovavano lì per dovere d’ufficio.

Difficile anche trovare il filo logico delle dichiarazioni affannate, che denunciano più che altro una difficoltà che tutti notano, difficoltà politica, derivante dal dover sorreggere uno schiacciante e catastrofico scenario, sotto tutti gli aspetti, della politica cerveterana: parliamo di un’azione lontana dai cittadini”.

Riflettori puntati anche sull’opportunità di “inserire una messa nei ‘grandi’ festeggiamenti”.

Una decisione che qualche movimento politico ha criticato “in nome di una laicità che come ogni “esasperazione nasconde spesso una profonda isteria: meno divertente se vogliamo ricordare i morti, non di freddo ma assassinati dai partigiani comunisti, anche solo fra i parroci e sacerdoti – volendo unicamente restare in tema – , e anche solo in prossimità e in seguito al 25 aprile 1945, pertanto a guerra finita da almeno un anno e mezzo: 24 aprile, Don Domenico Gianni, Parroco di San Vitale di Reno; Don Tiso Galletti; 13 Maggio, Don Enrico Donati, Lorenzatico; 20 Giugno, Don Raffaele Bortolini, Parroco di Dasso; 2 Luglio, Don Giuseppe Rosari, Parroco di San Martino in Casola; 25 Luglio, Don Achille Filippi, Parroco di Maiola; 10 Settembre, Don Teo Aldo Daporto, Parroco di Casalfiumanese; 5 Dicembre, Don Alfonso Reggiani, Arciprete della Chiesa Santuario di Amola.

Sono solo alcuni dei documentati ovviamente, chiamatela pure festa di tutti, ma no grazie!”.

33 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notiziepolitica

Cerveteri, la Belardinelli: "La maggioranza boccia l'incremento dei fondi per i parchi"

Attualitàpolitica

Sociale, da Regione Lazio 7ml di euro per pacchetti vacanza ai disabili

Notizie

Coronavirus, oggi in Italia 5.080 nuovi casi (ieri 8.202) e 198 decessi (ieri 139)

Notizie

Coronavirus, oggi nel Lazio 680 nuovi casi (-108) e 17 e decessi (+7)

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.