fbpx
 
EconomiaNotizie

Carta TuttoTreno, il disappunto delle associazioni dei pendolari

Le associazioni: “Ad oggi nessuna comunicazione da parte dell’Assessore regionale sulle trattative in corso con Trenitalia”

Carta TuttoTreno, il disappunto delle associazioni dei pendolari –

Un comunicato stampa congiunto a firma di sei associazioni di pendolari della Regione Lazio: Osservatorio Regionale sui Trasporti, Associazione Roma Cassino Express, Comitato Pendolari Litoranea Roma Nord, Comitato Pendolari Orte 2.0, Comitato Pendolari Reatini e Unione Comitati Pendolari FL7.

“Come noto – si legge nel comunicato –, la Regione Lazio non ha ritenuto opportuno procedere, per l’anno 2024, al rinnovo della convenzione Carta TuttoTreno Lazio con Trenitalia secondo lo schema in vigore da oltre dieci anni, e così, a partire dal 1 gennaio di quest’anno, i pendolari di questa Regione sono stati privati della possibilità di acquistare o rinnovare questa forma di integrazione all’abbonamento annuale Metrebus, che consente, a chi deve viaggiare tra Roma, Orte, Civitavecchia, Frosinone, Cassino, Latina e Formia, ma anche a chi può utilizzarvi servizi in coincidenza provenendo da altre località, di fruire dei servizi a lunga percorrenza (Intercity e Frecce), contribuendo, in maniera rilevante, a decongestionare i collegamenti regionali, soprattutto nelle ore di punta.

L’incontro del 19 gennaio 2024 – presenti l’Assessorato, amministratori regionali, l’ORT ed il Comitato pendolari Civitavecchia – Santa Marinella – si era chiuso con l’auspicio di una rapida soluzione, anche temporanea, che consentisse ai pendolari l’acquisto/rinnovo del titolo già ad inizio febbraio, auspicio di rapida soluzione poi confermato dall’Assessore nel Consiglio Regionale del 14 febbraio in risposta ad un’interrogazione. Ad oggi, tuttavia, non è stata fornita alcuna comunicazione in merito, dopo la conferma che è tuttora in corso tra Regione Lazio e Trenitalia un’interlocuzione basata su simulazioni di quest’ultima, sul cui stato di avanzamento non abbiamo però aggiornamenti. Nel frattempo, cresce il numero di pendolari che vedono il loro titolo giungere alla scadenza annuale nell’impossibilità di provvedere al suo rinnovo, andando ad incrementare, ogni giorno di più, il numero di persone che, non potendo più fruire di questa possibilità, si riversano sui già affollati treni regionali, o, peggio, rinunciano all’utilizzo della ferrovia, trovandosi di fronte, di fatto, ad una riduzione qualitativa e quantitativa dell’offerta.

Rinnoviamo ancora una volta alla Regione Lazio l’invito a rompere questo silenzio e tener fede alla promessa fatta di trovare, al più presto, una soluzione contingente per il 2024, che consenta di procedere al rinnovo immediato dei titoli in scadenza.

Ricordiamo di aver suggerito, per uscire da questa situazione di stallo, una serie di interventi, tra i quali ricordiamo:

previsione di un contenuto incremento tariffario;

possibilità di stipulare abbonamenti unidirezionali a prezzo (e contributo) ridotto, in considerazione del fatto che, su alcune linee, in fascia pendolare, sono utilizzabili soltanto i treni dell’andata oppure soltanto quelli del ritorno;

modifica del contributo per la prima classe (se lo si vuole mantenere) da equiparare a quello della seconda.

Ricordiamo anche di aver dato la disponibilità alla differenziazione del costo in base alle fasce chilometriche, avendo invece espresso le nostre perplessità in merito a soluzioni che prendano in considerazione una differenziazione delle tariffe sulla base della dichiarazione ISEE”.

Post correlati
Notizie

Bracciano, nella notte del 22 aprile disinfestazione adulticida

Notizie

Nuove alberature in quattro aree verdi di Cerveteri

Notizie

RFI, nodo di Roma: modifiche alla circolazione per interventi di manutenzione a Ostiense

Notizie

Regionale di Trenitalia: sabato 20 aprile modifiche alla circolazione sulla Orte-Fiumicino Aeroporto, Roma-Civitavecchia e per i Leonardo Express

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.