fbpx
CittàCopertinapolitica

Bandiera della pace a Cerveteri, il Sindaco Pascucci: ”E’ ben distanziata e rispetta la distanza dai simboli istituzionali”

Bandiera della pace a Cerveteri – Sindaco, in merito alla questione della bandiera arcobaleno: la prefettura su segnalazione di Casapound in che termini ne ha intimato lo spostamento? E’ stato comunicato al Comune?

A seguito di un esposto di un esponente del partito neofascista la Prefettura, in tempo sorprendentemente celere per un argomento così futile, ha risposto interpellando addirittura gli uffici della Presidenza del Consiglio dei Ministri i quali hanno evidenziato che la bandiera della pace può essere issata purchè a distanza dai simboli istituzionali.

Non a caso nel nostro palazzo Comunale la bandiera è distanziata almeno un paio di metri dalla bandiera italiana, da quella dell’Unione Europea e dal vessillo del comune di Cerveteri. Per questo motivo non parlerei di intimazione allo spostamento, quanto piuttosto di verificare che tale regolamento previsto dal cerimoniale sia rispettato.

Noi siamo convinti di essere pienamente nella regola.

Sposterete la bandiera arcobaleno per distanziarla dalle altre bandiere istituzionali?

Come le ho detto, la bandiera è già distanziata e basta venire sotto al palazzo comunale per verificarlo.

Stiamo parlando, inoltre, di una bandiera che non è un simbolo politico ma rappresenta l’adesione della nostra città a quei valori della pace e della fratellanza che sono scritti nella Costituzione Italiana, che forse i signori di Casapound non conoscono o faticano ancora ad accettare come valori condivisi sui quali è stata fondata l’Italia repubblicana dopo il regime fascista. Ma mi faccia aggiungere una breve osservazione.

Prego, sindaco.

“Stupisce la celerità con la quale la Prefettura di Roma risponde su una questione obiettivamente di scarso interesse mentre da ben cinque mesi non abbia trovato il tempo di rispondere ad una mia missiva inviata in relazione all’occupazione abusiva di Casapound della sede di via Napoleone a Roma.

Un’occupazione che dura da oltre 15 anni e che la Prefettura, il Viminale e il sindaco della Città Metropolitana conoscono benissimo. Si tratta di un caso unico in Italia, ovvero un partito politico, che fra l’altro si rifà a valori anticostituzionali come il fascismo, che dichiara come sede legale un palazzo del demanio abusivamente occupato.

Era a conoscenza della norma o ha saputo solo ieri di questa eventualità?

Conosco la norma e sono convinto che non è stato infranto alcun cerimoniale. Bisognerebbe soltanto applicare un pò di buon senso istituzionale e accettare che questi simboli non hanno e non devono avere un colore politico.

Per questo non ho nessuna intenzione di spostare di un millimetro questo vessillo e sono pronto ad accogliere la ruspa del ministro Salvini nel caso decidesse di venire personalmente a stracciare la pericolosissima bandiera della Pace a condizione però che il segretario della Lega si presenti indossando la felpa dei suoi amici di Casapound.

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Città

Il “Capitano Ultimo” a Bracciano: l’abbraccio con il Sindaco Tondinelli e gli applausi delle associazioni.

CittàSport e Salute

Ladispoli, tutto pronto per il 'Taekwondo Festival'

Cittàpolitica

Santa Marinella, ripulito il piazzale del Liceo Scientifico

Attualitàpolitica

Nessun incarico per l'ex sindaco Cozzolino nel Conte Bis

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista