fbpx
Notiziepolitica

Allumiere, Ceccarelli: “la chiusura del CPI una tegola per il territorio”

La nota del Consigliere di ArticoloUNO Simone Ceccarelli

Non bastava la crisi occupazionale e l’assenza di progettualità strategica presente ormai da anni sul territorio di Civitavecchia. Ad aggravare la situazione, già grave in partenza, è arrivata la tegola della chiusura del CPI fino a data da destinarsi, tra l’altro nel pieno dell’emergenza per gli accessi al reddito di cittadinanza. Infatti, a causa del rinvenimento di un ratto all’interno della struttura, anziché derattizzare e mettere al più presto possibile il CPI nuovamente al servizio della popolazione, si è scelto di chiudere (si spera temporaneamente) la struttura.

La nota del Consigliere di ArticoloUNO Simone Ceccarelli
Allumiere, Ceccarelli: “la chiusura del CPI una tegola per il territorio”

I cittadini di Allumiere, Tolfa, Civitavecchia e Santa Marinella che hanno la necessità di accedere ai servizi del CPI (in particolare quelli che devono accedere al reddito di cittadinanza), sono costretti da giorni a recarsi addirittura fuori provincia, fino a Tarquinia, per usufruire di un loro diritto garantito per legge. La questione è gravissima perché rappresenta l’ennesimo affronto a quella fascia di popolazione che ha meno risorse, e quindi meno possibilità per difendersi. Il senso della politica dovrebbe essere quello di tutelare chi resta indietro, invece i cittadini più deboli del nostro comprensorio si trovano a dover subire un’ingiustizia inaccettabile. Se la politica non è in grado di rispondere a queste domande basilari, chi lo farà? Come rappresentante di ArticoloUNO nel Consiglio Comunale di Allumiere, faccio appello ai sindaci dei comuni interessati affinché questa storia non scivoli nel dimenticatoio e affinché quella che si spera sia una chiusura provvisoria non diventi definitiva nei fatti.

In particolare chiedo al sindaco di Allumiere, Antonio Pasquini, di attivarsi, come ha già fatto il sindaco di Santa Marinella Pietro Tidei, per individuare nel nostro comune un luogo idoneo da mettere a disposizione del CPI comprensoriale, quantomeno in modo da aggirare l’ostacolo e permettere al nostro comprensorio di accedere a un servizio ad una distanza più o meno ragionevole. Cosa dovrebbe fare, infatti, un anziano o un invalido di Santa Marinella che si dovesse recare aTarquinia a fare la domanda per il reddito di cittadinanza e che, come spesso accade, dovesse incappare in una delle mille piccole trappole della burocrazia per le quali spesso si deve tornare a casa a prendere documenti mancanti o cose del genere? Dovrebbe andare avanti e indietro tra Santa Marinella e Tarquinia? Quante volte? È lampante che chi ha bisogno del reddito di cittadinanza non può permettersi questa trafila, sia in termini puramente economici, sia in termini di qualità della vita. Stiamo parlando della dignità delle persone, che viene calpestata nel silenzio quasi generale. Allora se c’è ancora spazio per una politica in grado di rappresentare donne e uomini di questo comprensorio, abbia coraggio e faccia sentire la propria voce. Noi ci siamo e, come sempre, siamo a disposizione.

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Cerveteri, quattro studenti sospesi alla Don Milani

Notizie

Greta Thunberg 'Persona dell'Anno' per il Time

Notizie

Rifiuti, esponenti PD: “Discarica a Tragliatella ipotesi da respingere"

Attualitàpolitica

Fiumicino, Taxi-Ncc. Giannini (Lega): "Basta illegalità e far west"

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista
Hai bisogno di aiuto?